Pastiglie freni consumate: come capire quando cambiarle

L’usura delle pastiglie dei freni è un aspetto assolutamente da non sottovalutare per quanto riguarda la manutenzione della nostra auto. Infatti esse svolgono una funzione fondamentale, ovvero quella di essere sottoposte a forte pressione e attrito quando si schiaccia il pedale del freno, e sono direttamente a contatto con il disco delle ruote.

Insomma, se esse si usurano la loro superficie tocca il disco inferiore, andandolo a consumare. Può anche succedere che il disco sia già consumato di per sè ed il suo supporto di metallo fa contatto diretto con le pastiglie. Perciò si sente come una “grattata” mentre si frena.

Tutte situazioni che ci impongono la sostituzione pastiglie freni, ma ci sono anche altre avvisaglie: solitamente infatti nel quadro si accende una spia rossa che segnala come esse vadano cambiate al più presto. Se sentite fischiare continuamente quando frenate, allora è molto probabile che abbiate bisogno di nuove pasticche. C’è poi un dato temporale: è bene sostituirle ogni 30 massimo 40mila km, perchè a quel punto il loro spessore non sarà più di 2 mm.

Quanto costa cambiare le pastiglie dei freni?

A questo punto ti stai chiedendo quanto costano le pastiglie dei freni: ebbene, non una cifra folle. Quelle che consigliamo noi, ovvero le pastiglie Bosch, hanno un prezzo che non supera la decina di euro cadauna. Certo, a questo bisogna aggiungere la manodopera, ma in ogni caso non si tratta di un’operazione complessa e lunga perciò non bisogna sborsare grosse cifre.

Ovviamente dipende anche dall’auto in questione e se bisogna cambiare tutte le pastiglie o solamente quelle delle ruote anteriori o posteriori. Per una consulenza, un preventivo e/o informazioni, non esitate a contattarci!