Sostituzione dischi freno: ogni quanto va fatta

Se da un po’ di tempo stai sentendo i freni dell’auto che fischiano allora è il caso di riflettere seriamente su una imminente sostituzione da effettuare. I sintomi, oltre al tipico suono, sono anche quelli per cui le pastiglie vanno ad usurarsi troppo in fretta e i tempi di frenata si allungano sensibilmente.

Certo, la durata dei dischi non è eterna, ma una sostituzione periodica delle pastiglie dei freni e uno stile di guida morigerato possono essere delle utile pratiche di prevenzione. Ma prima o poi sono parti della macchina che devono essere cambiate: una volta consumati, i freni a disco deteriorati possono portare ad una perdita di sicurezza del veicolo, che diventa di fatto incontrollabile.

Ma ogni quanto devono essere cambiati? Andiamo a scoprire tutto nel dettaglio.

Quando cambiare dischi freni: esistono dei parametri

La premessa è che non si può dire con certezza ogni quanto i freni a disco vadano cambiati, ma ci sono alcuni parametri indicativi. Se ad esempio nel corso della sua vita la tua auto non è mai stata soggetta alla sostituzione delle pastiglie, allora i dischi si usureranno prima. Al contrario, se le hai cambiate periodicamente, sostituire dischi freni non dovrà essere fatto per forza. Potrà avvenire anche dopo i 100mila km.

Ma quindi, quando cambiare i freni a disco? Un consiglio per precauzione: le case automobilistiche consigliano un controllo ogni 80mila km, in modo tale che i professionisti potranno vedere se c’è effettivamente usura e se si sostituirli.

Ad ogni modo, se sospetti che i dischi siano consumati, recati dal meccanico evitando frenate brusche, aumenta la distanza di sicurezza e soprattutto guida con la massima prudenza e attenzione (ma questo è ovviamente un consiglio generale).